Articolo aggiornato il 12 Ottobre 2022 da Francesco Di Noia

Botrite: Rimedi naturali efficaci contro la patologia

 

 

Se cerchi su Google “botrite” troverai tanti articoli sulla materia, ma poche risposte.

Tutti quanti si dilungano sulla biologia del fungo, sui sintomi che provoca sui grappoli, sui danni arrecati alla produzione.

Noi diamo per scontato che tu sappia già tutto questo e che sei interessato solamente a trovare prodotti naturali ma efficaci contro questa patologia.

Nel caso volessi approfondire gli argomenti introduttivi, in fondo trovi dei link a siti esterni con tante informazioni utili.

Questo articolo, invece, si concentra esclusivamente su 3 rimedi naturali contro la botrite, e con rimedi intendiamo prodotti che puoi acquistare dal tuo rivenditore di fiducia oppure qui sul nostro shop, e con i quali puoi eseguire dei trattamenti.

Perchè spesso avrai letto, tra i “rimedi naturali”, frasi del tipo:

  1. scegliere varietà resistenti
  2. evitare impianti troppo fitti
  3. usare portinnesti non vigorosi

come se tu potessi rivoluzionare l’impianto che già possiedi.

Noi invece ti diamo soluzioni concrete e che puoi facilmente mettere in pratica.

Per prevenire in maniera efficace la Botrite con rimedi naturali devi sottrarre umidità all’ambiente: senza umidità la Botrite non si sviluppa. Senza umidità, non hai bisogno di intervenire periodicamente con fungicidi chimici. I 3 prodotti per sottrarre umidità sono Zeolite, Bentonite e Gel di Silice.

 

Rimedi naturali contro la botrite

 

Gel di Silice: Rimedio naturale contro la botrite

 

Il Gel di Silice è un prodotto comunemente usato nell’industria per assorbire l’umidità. Sicuramente ti sarà capitato di trovarne una bustina nelle scatole di scarpe o di oggetti elettronici durante i tuoi acquisti.

 

tratto da https://www.nonsprecare.it/come-usare-gel-di-silice-bustine-riciclo

 

Tra i rimedi naturali presentati in questa pagina, il Gel di Silice è quello col più alto potere disidratante.

Questo perchè le molecole del vapore acqueo si legano non solo sulla superficie esterna delle particelle, ma anche internamente.

Il Gel di Silice presenta una notevole porosità e questo si traduce in una maggiore area totale disponibile allo scambio di materia: 1 kg di Gel di Silice è capace di assorbire 4 – 5 litri di acqua.

 

 

1° Un prodotto, numerosi vantaggi

 

Non è un caso se abbiamo inserito il Gel di Silice al primo posto tra i rimedi naturali contro la Botrite.

La sua azione essiccante, infatti, non è l’unica proprietà che lo rende efficace nel controllo delle malattie fungine.

 

2° Vantaggio: pH basico

 

Il Gel di Silice ha un pH che si aggira sugli 11.5: questa forte basicità gli conferisce un’azione inibitoria naturale nei confronti di funghi e batteri. I funghi, infatti, hanno bisogno di un ambiente tendenzialmente acido per svilupparsi (il pH delle foglie si aggira sui 4-6 a seconda delle specie).

 

3° Vantaggio: Apporto di Silicio

 

L’elevata presenza di Silicio migliora le difese naturali della pianta in due modi:

  1. la pianta aumenta lo spessore di foglie e stelo, con conseguente riduzione dei danni da parassiti in maniera indiretta e naturale
  2. la pianta attiva le sue auto-difese chimiche indotte, stimolando la produzione di composti fenolici

Come si usa

 

Il Gel di Silice (nome commerciale Okygel Gel di Silice azione essiccante) è utilizzabile in qualsiasi momento del ciclo produttivo, bagnando la vegetazione in maniera uniforme. Inoltre l’aggiunta di bagnanti naturali specifici come il Base Gold – Olio di Pinolene (pinolene) assicura una uniforme distribuzione e una maggiore resistenza al dilavamento.

 

Zeolite: Rimedio naturale contro la Botrite

 

La Zeolite si ricava dalla frantumazione di rocce di origine vulcanica che contengono principalmente ossidi di silicio e alluminio.

La caratteristica principale della Zeolite è quella di possedere un elevatissimo potere di ritenzione idrica (trattenere l’acqua), dovuto alla particolare struttura cristallina delle sue particelle, composta da numerosi canali e cavità.

 

Zeolite struttura cristallina

 

La Zeolite va applicata sulla vegetazione e crea una pellicola sottile e persistente. Questo permette di

  1. assorbire grandi quantità di acqua. L’acqua assorbita non è trattenuta in maniera irreversibile, ma ceduta all’ambiente in base alle condizioni climatiche. In questo modo l’umidità locale viene regolata in maniera naturale e i patogeni fungini non trovano le condizioni ottimali per il loro sviluppo.
  2. inibire spore e ife dei patogeni presenti sulle foglie. Le spore e le ife della Botrite presenti sulla pianta, oltre a ritrovarsi in un ambiente inospitale alla loro crescita, vengono anche inibite per future germinazioni
  3. assorbire sostanze tossiche con cui è a contatto. Oltre ad essere caratterizzata da numerose cavità, la Zeolite possiede un alto potere di scambio cationico; questo la rende molto attiva nelle interazioni con le altre molecole presenti sulla pianta ed in grado di sottrarre dall’ambiente circostante numerose sostanze tossiche.

Ma è davvero efficace?

 

Assolutamente sì. Lo dimostra uno studio dell’Università di Teramo in collaborazione con il CNR di Bologna, dove viene messa a confronto la Zeolite con una serie di fungicidi chimici (tra cui Cyprodinil, Fludioxonil, Chlorantaniliprole…).

Il risultato?

L’efficacia della Zeolite è paragonabile a quella dei prodotti chimici, come puoi vedere nel grafico.

 

Efficacia della Zeolite

 

Efficacia della Zeolite nel controllo della Botrite a confronto con fungicidi chimici. Dati tratti da “Activity of Italian natural chabasite-rich zeolitites against grey mould, sour rot and grapevine moth, and effects on grape and wine composition”. Elaborazione di Agrimag.it

 

Ancora non ti basta?

 

La Zeolite Chabasite attivata ha dimostrato effetti positivi anche sulle proprietà chimico-organolettiche del vino, in termini di polifenoli (+10%), antociani (+8%) e indice di colore (+20%) rispetto al trattamento con prodotti chimici.

 

Bentonite: Rimedio naturale contro la Botrite

 

La Bentonite appartiene alla stessa famiglia della Zeolite, le Farine di Roccia, ma si differenzia per composizione e origine. La Bentonite, infatti, deriva da un minerale argilloso (montmorillonite) ed è ricchissima di microelementi.

Anch’essa assorbe alte quantità di acqua, regolando l’umidità locale a livello di pianta e grappoli.

In aggiunta a ciò, possiede un certo potere cicatrizzante nei confronti di eventuali ferite da tagli, potature oppure grandine e freddo presenti sulla pianta, evitando così l’insorgere di altre malattie come il Marciume Acido della Vite.

La Bentonite può essere utilizzata da sola o in miscela con Zolfo in solforazioni. In questo modo il prodotto si fissa sulla pianta creando una barriera fisica al patogeno e svolgendo una forte azione essiccante.

I trattamenti dovranno essere preventivi e ripetuti con cadenza ravvicinata: 2-3 trattamenti ogni 10-15 giorni, a seconda delle condizioni climatiche.

 

0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna allo shop
      Calcola Spedizione
      Apri la chat
      Hai bisogno di aiuto?
      Ciao, se hai bisogno di aiuto puoi parlare con uno dei nostri agronomi.