Maltodestrine che cosa sono e a cosa servono

Pubblicato il 29 Dicembre 2022

l

Da Francesco Di Noia

Maltodestrine che cosa sono e a cosa servono

Tutto noi abbiamo sentito parlare o ci è capitato di leggere almeno una volta la parola Maltodestrina.

In effetti, la parola Maltodestrine è molto presente nelle etichette di diversi cibi, in quanto è un additivo molto utilizzato nell’industria alimentare.

A partire dagli anni 70 però, sono stati effettuati sempre più test scientifici circa le capacità insetticide e acaricide di questo composto naturale. A causa di problematiche burocratiche, solo nel 2013 è stato possibile registrato questo principio attivo per l’utilizzo come antiparassitario naturale in Agricoltura Biologica.

Ma cosa sono le Maltodestrine e perchè hanno un effetto insetticida e acaricida? Scopriamolo insieme in questo articolo.

Maltodestrine: un composto insetticida naturale

La Maltodestrina è un zucchero e fa parte della grande categoria dei Carboidrati. Questo particolare carboidrato è idrosolubile e viene ottenuto da processi di irdolisi di Amidi complessi, il più delle volte ottenuti da Mais, Frumento, Riso o anche dalla Patata.

 

Maltodestrine per la salute umana

Come accennato in precedenza, le Maltodestrine sono integratori alimentari a elevato valutare salutare.

Infatti, questo carboidrato è preferito al Saccarosio in quanto la sua particolare struttura chimica contiene legami molto deboli tra le molecole di Destrosio. Questa caratteristica permette alla Maltodestrina di essere assorbita e digerita molto più velocemente rispetto al Saccarosio.

In ambito sportivo viene utilizzata per fornire rapide energie agli atleti, pur avendo un basso indice glicemico risetto agli “zuccheri classici”.

 

Maltodestrine che cosa sono e a cosa servono

 

La Maltodestrina come insetticida e Acaricida in Agricoltura Biolgioca

La Maltodestina è un polisaccaride, composto da diverse molecole di Glucosio (generalmente da 3 a circa 15). In Agricoltura è presente in formulazione liquida e agisce su insetti e acari delle piante secondo meccanismi di tipo fisico.

Al contatto con gli insetti, la Maltodestrina liquida va incontro a solidificazione, creando delle ostruzioni alle appendici tracheali dei parassiti, provocando la loro rapida asfissia.

In secondo luogo, così come tutti gli altri Zuccheri, la Maltodestina ha un elevato potenziale osmotico che permette l’assorbimento di umidità dall’amiente circostante.

Questa caratteristica permette alla Maltrodestina di avere anche un effetto disidratante nei confronti degli insetti target.

 

I vantaggi dell’utilizzo della Maltodestina (Eradicoat) in Agricoltura

L’innovativo meccanismo di azione delle Maltodestrine previene l’insorgenza di problematiche relative a resistenze negli insetti parassiti delle colture.

Eradicoat contribuisce all’applicazione delle buone pratiche agricole di gestione delle resistenze in campo.

La Maltodestrina è un ottimo ed efficace alleato per gli Agricoltori in Biologico.

Nel caso in cui ci si ritrova davanti a popolazioni di insetti che hanno sviluppato una resistenza ai comuni insetticidi sistemici, Eradicoat può fornire una valida alternativa all’abbattimento e al controllo della popolazione del fitofago da controllare.

 

Cos’è Eradicoat?

Eradicoat è un recente prodotto fitosanitario ad azione Acaricida e Insetticida a base di Maltodestina. Il suo profilo tossicologico basso, lo rende utilizzabile su una vasta gamma di colture senza incorrere in rischi dovuti a fenomeni di carenza.

Eradicoat può essere utilizzato su Colture Orticole, Floricole o Ornamentali sia in pieno campo che in serra e controlla efficacemente Acari, Afidi e Aleurodidi.

Le Maltodestrine hanno un’azione di contatto verso tutti gli stadi di sviluppo degli insetti target: uova, larve e forme adulte, attere e alate.

 

Come agiscono le Maltodestrine nel controllo dei parassiti?

 

L’azione delle Maltodestrine in Agricoltura biologica è triplice. La Maltodestrina in formulazione liquida è molto viscosa e agisce in maniera fisica attraverso il contatto con il parassita target.

L’azione è puramente fisica, quindi solo gli insetti che vengono raggiunti dal trattamento sono pienamente controllati. Di contro, il meccanismo di azione fisico previene qualsiasi tipo di fenomeni di resistenza nelle popolazioni degli insetti.

Le Maltodestrine quindi, possono essere usate efficacemente in Agricoltura Biologica oppure possono essere inserite in strategie di difesa integrata per evitare la compara di resistenze.

 

Le Maltodestine agiscono per:

  • Adesione: l’insetto target colpito è incollato alla superficie vegetale
  • Blocco: il trattamento provoca l’incollamento del corpo dell’insetto, ancora più evidente nelle forme alate.
  • Chiusura Spiracoli Tracheali: l’occlusione degli spiracoli provoca la rapida asfissia dell’insetto colpito.

 

aficida per agricoltura biologica_maltodestrine

 

Come utilizzare le Maltodestrine in campo?

La particolare formulazione liquida di Eradicoat permette di esaltarne maggiormente le potenzialità.

Si consiglia l’utilizzo delle Maltodestrine sulla vegetazione asciutte nelle ore più calde della giornata, in modo da causarne l’immediata essicazione, una volta a contatto con la vegetazione. Applicato in una situazione di forte attacco, le Maltodestrine bloccheranno immediatamente la popolazione dell’insetto target.

 

La dose consigliata di Eradicoat è di 2.5 lt/hl.

Il dosaggio massimo consigliato in serra è 75 lt/ha, mentre in serra il dosaggio massimo consigliato è di 37.5 lt/ha.

Si raccomanda di bagnare in modo uniforme e abbondante la vegetazione compresa la pagina inferiore delle foglie, prestando attenzione ai focolai di infestazione.

Scritto da Francesco Di Noia

commenti

4 Commenti

  1. ottimo articolo interessante

    Rispondi
    • Ciao Massimiliano, grazie per il tuo commento!
      Continua a seguire il nostro blog! 🙂

      Rispondi
  2. Non avevo mai sentito usare additivi alimentari in agricoltura…

    Rispondi
    • Ciao Simone!
      La nuova tendenza degli organi governativi è la progressiva eliminazione delle sostanze attive ritenute pericolose e la contemporanea immissione sul mercato di sostanza a basso rischio. A testimonianza di ciò troviamo la Categoria delle Sostanze di Base (se vuoi, puoi approfondire qui https://www.agrimag.it/sostanze-di-base/).

      Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post correlati

Iscriviti per ricevere ogni settimana i nostri blog informativi e offerte via Email

Iscriviti per ricevere ogni settimana i nostri blog informativi e offerte via Email

Potrai interagire con i nostri agronomi gratuitamente

Grazie ti sei iscritto alla nostra newsletter

0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna allo shop
      Calcola spedizione
      Applica Coupon