0
(0)

Articolo aggiornato il 19 Gennaio 2023 da Massimiliano Del Pra

Cosa sono le glifosate?

Glifosate sono degli erbicidi utilizzati per controllare erbacce ed erbe.

Il glifosato è l’ingrediente attivo di molti prodotti erbicidi, incluso il popolare Roundup.

Il glifosato è stato registrato come pesticida negli Stati Uniti dal 1974 ed è anche comunemente usato in molti altri paesi del mondo.

Gli erbicidi contenenti glifosato sono anche indicati come diserbanti.

Glifosate: tutto quello che devi sapere

Glifosate: la loro composizione

Il glifosato è un acido fosfonico derivato da una reazione tra il gruppo metilico dell’acido metilfosfonico con il gruppo amminico della glicina.

È l’unico erbicida che attacca l’enzima 5-enolpiruvil-3-shikimato fosfato sintasi (EPSPS).

 

Come funziona

Il glifosato è un erbicida ad ampio spettro.

Ciò significa che non può essere utilizzato per uccidere erbacce o piante specifiche.

Invece, uccide la maggior parte delle piante a foglia larga nell’area in cui viene utilizzata.

Il glifosato agisce inibendo l’azione di un enzima vegetale che svolge un ruolo nella sintesi di tre aminoacidi chiamati fenilalanina, tirosina e triptofano.

Il glifosato viene assorbito nelle piante principalmente attraverso le sue foglie e solo piccole quantità di esso vengono assorbite nelle radici.

Di conseguenza, il glifosato è in realtà efficace solo nell’uccidere le erbacce e l’erba in crescita. Non può impedire ai semi di germogliare in primo luogo.

Una volta assorbito nella struttura della pianta, il glifosato si diffonde in tutta la pianta, fino alle radici e alle foglie, e le impedisce di produrre le proteine necessarie per la sua crescita.

Questo è ciò che finisce per uccidere le piante.

 

Tipologie di glifosate

Puoi trovare prodotti erbicidi contenenti glifosato in forma liquida, concentrata e solida.

Il glifosato può essere applicato a piante ed erbe infestanti attraverso sistemi di iniezione, barre di spugna, spray aerei, spruzzatori a diffusione, spruzzatori schermati, applicatori di tergicristalli e applicatori di goccioline controllate.

 

Usi

Gli usi principali del glifosato sono come erbicida e come essiccante per le colture.

 

Erbicida

Il glifosato è uno degli erbicidi più comunemente usati.

Viene utilizzato per diverse scale di agricoltura, nelle famiglie e nelle fattorie industriali e in molti luoghi intermedi.

Tuttavia, il suo uso come erbicida non è limitato alla sola agricoltura. Viene utilizzato anche in spazi pubblici come parchi e campi da gioco per prevenire la crescita di erbacce e altre piante indesiderate.

Ritaglia essiccante

Il glifosato è talvolta usato come essiccante per le colture. Gli essiccanti sono sostanze che servono a mantenere stati di secchezza e disidratazione negli ambienti in cui sono presenti.

Gli agricoltori usano il glifosato per essiccare raccolti come fagioli, grano e avena subito prima della raccolta. Lo fanno per accelerare il processo di raccolta e migliorare la resa del raccolto nel suo complesso.

In realtà, tuttavia, il glifosato non è un vero essiccante.

Funziona proprio come uno per le colture.

Uccide le piante in modo che le loro porzioni di cibo si secchino più velocemente e in modo più uniforme di quanto farebbero normalmente.

 

Rischi e Pericoli delle Glifosate

A causa della diffusione del suo utilizzo, il glifosato viene continuamente studiato per i possibili effetti dell’esposizione a lungo termine ad esso da parte di esseri umani, animali e insetti.

La US Environmental Protection Agency (EPA) ha condotto approfondite indagini sul glifosato e sui suoi effetti sulla salute umana, sull’ambiente e sulla sicurezza degli alimenti.

Dopo aver esaminato i dati disponibili sul glifosato, ecco cosa ha stabilito l’agenzia.

 

Salute umana

Gli studi dell’EPA hanno concluso questo sugli effetti del glifosato sulla salute umana:

Se utilizzato secondo le indicazioni sulle etichette dei prodotti erbicidi, il glifosato non presenta alcun rischio per gli adulti.

Inoltre, non c’è motivo di credere che i bambini siano più sensibili alla sostanza chimica o che rappresenti per loro un rischio particolare, indipendentemente dal fatto che vi siano esposti durante la gravidanza o dopo la nascita.

Non vi è alcun rischio per i bambini che mangiano alimenti con residui di glifosato, né vi è alcuna preoccupazione per i bambini che giocano in ambienti residenziali in cui è stato utilizzato il glifosato.

Non vi è alcuna indicazione che il glifosato interrompa il sistema endocrino.

È improbabile che il glifosato causi il cancro negli esseri umani.

Altre organizzazioni che supportano l’affermazione fatta dall’EPA secondo cui il glifosato non provoca il cancro includono l’Agenzia europea per le sostanze chimiche, l’Agenzia canadese di regolamentazione per la gestione dei parassiti, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare,

l’Organizzazione congiunta per l’alimentazione e l’agricoltura/Organizzazione mondiale della sanità (FAO/OMS) e l’Istituto federale tedesco per la sicurezza e la salute sul lavoro.

È importante notare, tuttavia, che l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) ritiene che il glifosato sia “probabilmente cancerogeno per l’uomo”.

Salute ecologica

Gli studi dell’EPA hanno concluso questo sugli effetti del glifosato sull’ambiente:

Il glifosato rappresenta un potenziale rischio per gli uccelli e le piante sulla terraferma e nell’acqua.

È di bassa tossicità per le api mellifere.

 

La sicurezza alimentare

Il glifosato è ampiamente utilizzato e quindi tracce di esso possono essere rilevate in frutta fresca, cereali, verdure e molti altri prodotti alimentari.

Questi residui non dovrebbero preoccuparti in quanto non rappresentano alcun rischio.

Finché gli alimenti e i prodotti alimentari rispettano i limiti fissati dall’EPA, sono sicuri per il consumo.

Questi limiti sono fissati dall’EPA e specificano quanti residui di pesticidi possono essere lasciati sui prodotti alimentari

I prodotti alimentari che risultano avere residui di pesticidi al di sopra dei limiti specificati possono essere sequestrati dal governo.

Tuttavia, il fatto che tu possa rilevare personalmente residui di pesticidi su alimenti o prodotti alimentari non significa necessariamente che siano al di sopra dei livelli di sicurezza.

 

Legalità

Gli erbicidi a base di glifosato sono legali negli Stati Uniti e nella maggior parte degli altri paesi del mondo.

Alcuni paesi lo vietano completamente o stabiliscono restrizioni specifiche riguardo al suo utilizzo:

Nel 2014, il legislatore dei Paesi Bassi ha vietato la vendita del glifosato ai consumatori per l’uso domestico.

A partire dal 30 giugno 2021 la vendita e l’uso di erbicidi a base di glifosato saranno vietati in Vietnam.

Il governo tedesco ha anche annunciato nel 2019 che l’uso del glifosato sarà vietato a partire dalla fine dell’anno 2023.
Una parola da Verywell

Molte agenzie sanitarie e ambientali in tutto il mondo hanno stabilito che il glifosato è sicuro per l’uso purché vengano seguite le istruzioni sull’etichettatura.

Non è necessario che tu smetta di usare gli erbicidi a base di glifosato, ma potrebbe essere consigliabile limitare l’esposizione non necessaria ad esso.

Tuttavia, le indagini continueranno probabilmente per quanto riguarda la sua sicurezza.

Quanto è stato utile questo post?

Clicca su una stella per valutarla!

Voto medio 0 / 5. Conteggio dei voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a valutare questo post.

Visto che hai trovato utile questo post...

Seguici sui social!

Iscriviti ad Agrimag News

Ricevi ogni mese via e-mail i nostri articoli di Blog e i Video sul mondo dell'agricoltura. Tutte le novità per rimanere sempre aggiornati.

Ti sei iscritto ad Agrimag News

0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna allo shop
      Calcola spedizione
      Apri la chat
      Hai bisogno di aiuto?
      Ciao, se hai bisogno di aiuto puoi parlare con uno dei nostri agronomi.