Tignola della barbabietola (Scrobipalpa ocellatella)

Visualizzazione di 3 risultati

Descrizione dei danni arrecati

Le giovani piante della Barbabietola attaccate dai bruchi muoiono rapidamente. Le piante più vecchie si sviluppaqno in maniera irregolare.le foglie sono deformate e goffrate, le nervature divorate, i piccioli perforati; i colletti si trasformano in una massa nerastra.

Descrizione fisica

  • Adulto: da 10 a 12 mm di apertura alare. Le ali anteriori strette, grigio giallastre, picchiettate da piccole macchie scure arrotondate; le ali anteriori grigio chiaro. Le ali sono bordate da lunghe setole.
  • Uova: ovali, 0,5 mm di lunghezza, bianco madreperla.
  • Larva: il giovane bruco è bianco verdastro, la faccia dorsale è di un verde più scuro. Alla fine della crescita misura da 10 a 12 mm. La faccia dorsale diventa rosastra e presenta 2 o 3 linee longitudinali rosate.

Ciclo biologico

3 generazioni annuali. I primi voli importanti di farfalle sono osservati alla fine di aprile, correnti di maggio. Lo sviluppo cessa al di sotto dei 10°C e l’invernazione si svolge sottoforma di bruco o di crisalide nel colletto della Barbabietola, nel suolo o nei silos.

Descrizione biologica

Questo individuo è comune alle Chenopodiacee e notamente alla Barbabietola selvatica (Beta maritima) alle Barbabietole da zucchero, orticole,da foraggio e alla Barbabietola. Si sviluppa anche sul Bietolone rosso (Atriplex) e sulle Amarante (Amaranthus). Adulto:farfalla crepuscolare. L’accoppiamento e la deposizione non hanno luogo se non a una temperatura superiore a 11°C. – Longevità: dai 25 ai 30 gg. – Fecondità media: da 40 a 70 uova. Esse vengono deposte in gruppi da 1 a 6 sulle foglie. Durata della deposizione 7 gg a 23°C. – Larva: dalla sua schiusura, guadagna le giovani foglie del centro della pianta nelle quali scava delle gallerie irregolari. Penetra anche nei piccioli e nel colletto, sul quale scava delle gallerie da 1 a 3 cm di profondità tappezzate da una trama setosa. Completata la sua crescita, il bruco si crisalida in nascondigli secchi: foglie, erbe, cavità nelle pietre, e condotti di aerazione.
Fonte img: www.gelechiid.co.uk
Fonte img: pathpiva.wifeo.com
www7.inra.fr

0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna allo shop
      Calculate Shipping
      Apri la chat
      Hai bisogno di aiuto?
      Ciao, se hai bisogno di aiuto puoi parlare con uno dei nostri agronomi.