ACETAMIPRID

Visualizzazione di 2 risultati

Scheda generale

NOME CHIMICO

(E)-N1 – {(6 chloro-3-pyridil) methyl}N2 – cyano-N1 – methylacetamidine (IUPAC)

FAMIGLIA CHIMICA

Neonicotinoidi

STATO FISICO

Solido cristallino, bianco.

COEFFICIENTE DI PARTIZIONE OTTANOLO/ACQUA (Kow)

Log Pow 0,8 (25°C) (assenza del rischio di bioaccumulo)

STABILITA’

Stabile alla luce.

Idrolisi: stabile da pH 5 a pH 7 (25°C)

IMPIEGHI AUTORIZZATI E INTERVALLI DI SICUREZZA (gg)

Si riporta di seguito il riepilogo degli impieghi autorizzati e degli intervalli di sicurezza (min/max) di questa sostanza attiva così come risultano dalle etichette dei prodotti fitosanitari che la contengono da sola o in miscela con altre sostanze attive.

Agrumi, pomacee, drupacee (pesco, nettarine, albicocco, susino, ciliegio, amarenza, mirabolano), vite 14
Nocciolo 14 (fino al 13 agosto 2015)
More di rovo, lampone 7
Patata 7
Pomodoro, melanzana 7 in pieno campo, 3/5 in coltura protetta
Peperone 7 in pieno campo, 3 in coltura potetta
Cucurbitacee con buccia commestibile 7 in pieno campo, 3 in coltura potetta
Cucurbitacee con buccia non commestibile 14

Lattuga, dolcetta, rucola, foglie e germogli di Brassica spp. …. 7 in pieno campo, 3 in coltura potetta

Scarola, indivia, cicoria, radicchio 7 in pieno campo, 14 in coltura potetta
Cavoli a testa (esclusi cavoletti di Bruxelles) 7
Cavolettti di Bruxelles 21
Cavoli a infiorescenza 14
Fagiolo, fagiolino, pisello, fava, cece, cicerchia 14
Carciofo 7
Cotone 14
Colza 34/40
Erba medica 14
Tabacco 14
Pioppo — (fino al 13 agosto 2015)
Floreali e ornamentali
Vivai di piante madri di vite

Colture Portaseme destinate esclusivamente alla produzione di materiale riproduttivo (da seme): Solanacee (Pomodoro, Melanzana, Peperone, etc.), Cucurbitacee con buccia non commestibile (Melone, Cocomero, Zucca, etc.), Cucurbitacee con buccia commestibile (Cetriolo, Zucchino, etc.), Lattughe e simili, Erbe fresche, Cavoli ad infiorescenza, Cavoli a testa, Fagioli, Fagiolini, Fave, Piselli, Ceci, Lenticchie, Lupini, Cicerchie, Carciofo, Rafano, Ravanello, Erba medica, Colza ……. —

Autorizzazioni in deroga (art. 53 Reg. 1107/2009)

Con Decreto 26 marzo 2015 il prodotto Epik ha ottenuto in via eccezionale l’estensione d’impiego sulle colture nocciolo e pioppo per la lotta contro Megaplatypus mutatus, per un periodo di 120 giorni a partire dal 15 aprile 2015 al 13 agosto 2015.

A titolo informativo, si riportano i precedenti impieghi autorizzati così come indicati nell’ultimo aggiornamento dell’allegato 5 del Decreto 27 agosto 2004:

  • Decreto 27 agosto 2004 (GU n 292 del 14 dicembre 2004, Suppl Ord n 179):

Colture:

Melo, pero, albicocco, ciliegio,
pesco, nettarino, susino
14
Pomodoro, peperone, melanzana,
melone, lattuga
7 (*), 3 (**)
Cetriolo 3 (**)
Cotone 14
Tabacco 14
Floreali e ornamentali

Note:

Meccanismo d’azione

Agisce a livello del sistema nervoso degli insetti con un meccanismo di tipo acetilcolinomimetico: si lega in modo irreversibile ai recettori nicotinici dell’acetilcolina (nAChR), localizzati a livello delle sinapsi tra due neuroni, provocando la trasmissione ininterrotta degli impulsi nervosi, che detemina conseguentemente paralisi e morte dell’insetto.

Aspetti applicativi

Insetticida per la difesa di agrumi, pomacee, drupacee (pesco, nettarine, albicocco, susino, ciliegio, amarena, mirabolano), vite, rovo, lampone, solanacee (pomodoro, melanzana, peperone), cucurbitacee, lattughe e simili (lattughe, dolcetta, scarola/indivia, cicorie, radicchi, rucola, foglie e germogli di Brassica spp.), cavoli a infiorescenza, cavoli a testa, fagioli, fagiolini, piselli, fave, cecem, cicerchia, patata, cotone, colza, erba medica, tabacco, floreali e ornamentali, vivai di piante madri di vite, colture portaseme.

SPETTRO D’AZIONE

Controlla i più importanti fitofagi ad apparato boccale pungente-succhiante quali: afidi, aleurodidi, tripidi, e ad apparato boccale masticatore quali microlepidotteri minatori, dorifora e piralide del peperone.

MODO D’AZIONE

Agisce prevalentemente per ingestione. Caratterizzato da attività citotropica-translaminare e da elevata sistemia, il formulato consente anche la difesa degli organi vegetativi sviluppatisi dopo il trattamento. Viene assorbito sia per via fogliare sia radicale, tuttavia l’assorbimento fogliare è predominante.

FORMULAZIONI

Polvere solubile

MODALITA’ DI IMPIEGO

Modalità e dosi di impiego riferite a prodotti al 5% di p.a. sotto forma di polvere solubile.

  • Agrumi

Afidi: intervenire nel periodo pre-fiorale oppure in post-fioritura: 100-150 g/hl (2 Kg/ha)

Aleurodidi, Cimicetta verde (Calocoris trivialis): intervenire alla prima comparsa dei fitofagi: 100-150 g/hl (2 Kg/ha)

Minatrice serpentina (Phyllocnistis citrella): intervenire al picco di sfarfallamento degli adulti: 100-150 g/hl (2 Kg/ha)

Cicaline: intervenire alla prima comparsa dei fitofagi: 100 g/hl (1,5 Kg/ha)

  • Pomacee

Afidi (compreso Afide lanigero – Eriosoma lanigerum) e Psille (adulti): intervenire nel periodo pre-fiorale oppure in post-fioritura: 100-150 g/hl (2 Kg/ha)

Tentredini del pero: intervenire nel periodo pre-fiorale oppure in post-fioritura: 100 g/hl (1,5 Kg/ha)

Minatori fogliari (Leucoptera scitella/malifoliella, Lithocolletis/Phyllonorycter blancardella): intervenire al momento del massimo sfarfallamento degli adulti: 100 g/hl (1,5 Kg/ha)

Cicaline: intervenire alla prima comparsa o a soglia: 70-100 g/hl (1-1,5 Kg/ha)

Antonomo: intervenire nel periodo pre-fiorale o in post-fioritura: 700-100 g/hl (1-1,5 Kg/ha)

Maggiolino (Melolontha melolontha): intervenire al picco di sfarfallamneto degli adulti: 100-150 g/hl (2 Kg/ha)

Cimici: intervenire alla comparsa dell’infestazione: 100-150 g/hl (2 Kg/ha)

  • Drupacee (pesco, nettarine, albicocco, susino, ciliegio, amarena, mirabolano)

Afidi: intervenire in pre-fioritura (fase di bottoni rosa) oppure in vegetazione: 120 g/hl (1,8 Kg/ha)

Minatrice (Phyllonorycter pomonella): intervenire al picco di sfarfallamento degli adulti: 100 g/hl (1,25-1,5 Kg/ha)

Cicaline: intervenire alla comparsa o a soglia: 70-100 g/hl (1-1,5 Kg/ha)

  • Solanacee (pomodoro, melanzana, peperone)

Afidi, aleurodidi (Bemisa tabaci, Trialeurodes vaporariorum) e tripidi: alla prima comparsa dei fitofagi: 200 g/hl (2 Kg/ha)

Dorifora (Leptinotarsa decemlineata): alla comparsa delle prime larve: 100-150 g/hl (1-1,6 Kg/ha)

Piralide del peperone (Pyrausta nubilalis): intervenire dopo l’allegagione in concomitanza delle ovodeposizioni: 100-150 g/hl (1-1,6 Kg/ha)

Cimici: intervenire alla prima comparsa o a soglia: 200 g/hl (2 Kg/ha)

Liriomiza: intervenire sulle prime mine: 200 g/hl (2 Kg/ha)

Miridi: intervenire alla prima comparsa: 130-160 g/hl (1,3-1,6 Kg/ha)

  • Cucurbitacee con buccia non commestibile (melone, cocomero, zucca, etc.)

Afidi, Aleurodidi: alla comparsa dei fitofagi: 100 g/hl (1 Kg/ha)

  • Cucurbitacee con buccia commestibile (cetriolo, zucchino, etc.)

Afidi, Aleurodidi: alla comparsa dei fitofagi: 200 g/hl (2 Kg/ha)

  • Lattughe e simili (lattughe, dolcetta, scarola/indivia, cicorie, radicchi, rucola, foglie e germogli di Brassica spp.), prezzemolo

Afidi, Altica, Cicaline, Liriomiza, Tripidi: alla comparsa dei fitofagi: 100-140 g/hl (1 Kg/ha)

  • Cavoli a infioresceza (cavoli broccoli, cavolfiori, etc.), cavoli a testa (eccetto i cavoletti di Bruxelles)

Afidi, Altica, Cimici: alla comparsa dei fitofagi: 130-160 g/hl (1,3-1,6 Kg/ha)

  • Cavoletti di Bruxelles

Afidi, Altica, Cimici: alla comparsa dei fitofagi: 100-130 g/hl (1-1,3 Kg/ha)

  • Legumi freschi e da granella (fagioli, fagiolini, fave)

Afidi, Tripidi: alla comparsa dei fitofagi: 130-160 g/hl (1,3-1,6 Kg/ha)

Liriomiza: intervenire sulle prime mine: 130-160 g/hl (1,3-1,6 Kg/ha)

  • Patata

Afidi, Dorifora, Miridi: alla prima comparsa dei fitofagi: 200-250 g/hl (1-1,3 Kg/ha)

  • Cotone

Afidi: intervenendo alla prima comparsa dei fitofagi: 100 g/hl (1 Kg/ha)

  • Colza

Afidi, Altica, Cimici, Meligete: alla comparsa dei fitofagi: 200-250 g/hl (1-1,2 Kg/ha)

  • Erba medica

Afidi, Fitodecta, Apion, Cavallette: alla prima comparsa dei fitofagi: 80-100 g/hl (0,4-0,5 Kg/ha)

  • Tabacco

Afidi: intervenendo alla prima comparsa dei fitofagi: 100 g/hl (1 Kg/ha)

  • Floreali ed ornamentali

Afidi: intervenendo alla prima comparsa dei fitofagi: 150-200 g/hl (1,5-2 Kg/ha)

Aleurodidi (Bemisia tabaci, Trialeurodes vaporariorum) e contro Tripidi: intervenendo sempre all’inizio dell’infestazione: 150-200 g/hl (1,5-2 Kg/ha)

Liriomiza: intervenire alla comparsa delle prime mine: 150-200 g/hl (1,5-2 Kg/ha)

Maggiolino (Melolontha melolontha): intervenire al picco di sfarfallamento degli adulti: 150-200 g/hl (1,5-2 Kg/ha)

Cicaline: alla prima comparsa dei fitofagi: 150 g/hl (1,5 Kg/ha)

  • Vivai di piante madri di vite

Afidi, Fillosssera, Ciclaine: alla prima comparsa dei fitofagi: 150 g/hl (1,5 Kg/ha)

  • Colture portaseme (vedi etichetta)

Afidi, Aleurodidi, Cimici, Liriomiza, Tripidi: alla prima comparsa dei fitofagi: 200 g/hl (2 Kg/ha)

Altica, Miridi: alla comparsa dei fitofagi: 160 g/hl (1,6 Kg/ha)

Cicaline: alla comparsa dei fitofagi: 150 g/hl (1,5 Kg/ha)

Apion, Cavallette, Fitodecta: alla prima comparsa dei fitofagi: 100 g/hl (0,5 Kg/ha)

Avvertenze agronomiche

Sulle colture indicate non superare le 2 applicazioni per anno. Si raccomanda di assicurare una completa ed uniforme bagnatura su tutta la vegetazione, utilizzando volumi d’acqua e pressioni di esercizio più elevate su colture di difficile bagnatura.

In caso di applicazioni a volume ridotto aumentare la concentrazione della miscela al fine di mantenere la stessa dose di prodotto ad ettaro utilizzata nei trattamenti a volume normale.

E’ caratterizzato da una buona selettività nei confronti di api e bombi.

0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna allo shop
      Calculate Shipping
      Apri la chat
      Hai bisogno di aiuto?
      Ciao, se hai bisogno di aiuto puoi parlare con uno dei nostri agronomi.