CYPRODINIL

Visualizzazione di 2 risultati

Scheda generale

NOME CHIMICO

4-cyclopropyl-6-methyl-N-phenylpyrimidin-2-amine (IUPAC)

4-cyclopropyl-6-methyl-N-phenyl-2-pyrimidinamine (C.A.)

GRUPPO CHIMICO

Anilino-pirimidine

STATO FISICO

Solido cristallino bianco.

STABILITA’

Stabile all’idrolisi.

IMPIEGHI AUTORIZZATI E INTERVALLI DI SICUREZZA (gg.)
  • Decreto 23 luglio 2008 (GU n 265 del 12-11-2008, Suppl Ord n 251):

Colture:

Melo 21
Albicocco, pesco, pero, susino, ciliegio, vite (da
tavola)
7
Vite (da vino) 21
Fragola (1) 7
Cipolla (1), pomodoro (1), peperone (1), melanzana (1),
cetriolo (1), zucchino (1), finocchio
7
Lattuga (1) e simili 14
Floreali

Note:

(1) Applicazione anche in serra

Meccanismo d’azione

CYprodinil interferisce con la biosintesi degli aminoacidi. Possiede quindi un innovativo meccanismo d’azione ed è caratterizzato dall’assenza di resistenza incrociata verso i più comuni fungicidi (ad esempio: IBS/triazoli, benzimidazoli, dicarbossimidi, morfoline, fenilpirroli, strobiruline).

Nei confronti del fungo Ciprodinil manifesta diversi siti di azione; in particolare su Venturia inaequalis agisce soprattutto inibendo la crescita del micelio nella foglia e sulla sua superficie, ma mostra in parte anche l’inibizione del processo di penetrazione dell’organo vegetale.

Aspetti applicativi

Fungicida per la difesa di melo, pero, albicocco, pesco, susino, ciliegio, vite, fragola, orticole (cipolla, pomodoro, peperone, melanzana, cetriolo, zucchino, lattuga e simili, finocchio), floreali.

SPETTRO D’AZIONE

Ticchiolatura, Moniliosi.

MODO D’AZIONE

Fungicida parzialmente sistemico: viene rapidamente assorbito nella cuticola e nello strato ceroso della foglia e del frutto, risultando cosi’ scarsamente influenzato dal dilavamento ad opera delle piogge.

L’assorbimento e la persistenza variano a seconda del tipo di coltura. Sul melo si è verificato che piogge cadute dopo 2 ore dal trattamento non influenzano l’efficacia del prodotto. All’interno della foglia, il p.a. si muove sia in senso translaminare sia in senso acropeto. Non è stata invece rilevata la ridistribuzione sulla nuova vegetazione o da una foglia all’altra.

Cyprodinil è dotato di attività sia preventiva sia curativa nei confronti della Ticchiolatura del melo. Prove di campo e in serra evidenziano una buona attività preventiva fino a 7 giorni, nella maggior parte delle condizioni. Per quanto riguarda l’attività curativa, il prodotto manifesta un’ottima efficacia anche con trattamenti effettuati entro 3 giorni dall’inizio dell’infezione.

L’attività biologica del Ciprodinil è scarsamente influenzata dalla temperatura: il principio attivo mantiene una elevata efficacia anche con temperature relativamente basse, fino a 5°C. Questa proprietà risulta particolarmente importante per la difesa dalla ticchiolatura nelle fasi iniziali della stagione.

FORMULAZIONI

Granuli dispersibili in acqua

Emulsione concenttrata

Sono disponibili formulazioni in miscela con Fludioxonil per la lotta contro la muffa grigia di vite, fragola, orticole (pomodoro, melanzana, peperone, cetriolo, zucchino, lattuga e simili, cipolla) e floricole, contro il marciume del colletto di lattuga e simili e finocchio, contro le moniliosi delle drupacee (albicocco, pesco, susino, ciliegio), contro la maculatura bruna del pero.

MODALITA’ DI IMPIEGO

Modalità e dosi di impiego riferite a prodotti al 50% di p.a. sotto forma di granuli dispersibili in acqua.

  • Melo, contro la Ticchiolatura (Venturia inaequalis):
  • trattamenti preventivi ogni 6-8 giorni, fino a frutto noce: 30 g/hl, 450 g/ha; n. trattamenti: 3-4;
  • trattamenti curativi, entro 48 ore dopo l’evento infettante, fino a frutto noce: 50 g/hl, 750 g/ha; n. trattamenti: 3-4.
  • Pero, contro la Ticchiolatura (Venturia pyrina): trattamenti preventivi ogni 6-8 giorni o entro 48 ore dopo l’evento infettante, fino a fine fioritura: 50 g/hl, 750 g/ha; n. trattamenti: 3-4.
  • Albicocco, susino, pesco, nettarine, contro Moniliosi di fiori e rametti (Monilia laxa): effettuare i trattamenti tra inizio fioritura e caduta petali: 30 g/hl, 450 g/ha; n. trattamenti: 2-3.
  • Albicocco, susino, pesco, nettarine, contro Moniliosi del frutto (Monilia fructigena): effettuare 1-2 trattamenti in pre-raccolta a distanza di 7-10 giorni: 50 g/hl, 750 g/ha.
COMPATIBILITA’

E’ possibile miscelare il prodotto con altri antiparassitari.

0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna allo shop
      Calculate Shipping
      Apri la chat
      Hai bisogno di aiuto?
      Ciao, se hai bisogno di aiuto puoi parlare con uno dei nostri agronomi.