0
(0)
5 Visite

Articolo aggiornato il 11 Ottobre 2022 da Francesco Di Noia

Bicarbonati di Potassio: in Agricoltura Biologica (e non solo)

Hai sentito parlare dei Bicarbonati di Potassio e di Sodio con attività fungicida e vuoi scoprire come funzionano?

In questo articolo tratteremo in maniera dettagliata i Bicarbonati di Potassio e i Bicarbonati di Sodio, due sostanze con proprietà fungicide e fungistatiche, ammesse entrambe in Agricoltura Biologica.

 

Cosa sono i Bicarbonati di Potassio?

Il Bicarbonato di Potassio è un sale di Potassio dell’Acido Carbonico, avente formula chimica KHCO3. Il Bicarbonato di Potassio, conosciuto anche come carbonato acido di potassio è un solido bianco alcalino, utilizzato in molti ambiti: negli estintori, nell’enologia, nella produzione di bibite, per neutralizzare gli acidi e anche come agente lievitante nella panificazione.

È un composto naturalmente presente negli esseri umani, negli animali, nelle piante…praticamente in tutti gli organismi viventi.

I Bicarbonati di Potassio sono sostanze fortemente basiche, infatti le ritroviamo all’estremità superiore della scala del pH, 8,0 – 8,6 pH.

 

Cosa sono i Bicarbonati di Sodio?

Il Bicarbonato di Sodio è una sostanza comunemente presente in natura, composta da una miscela di Sali alcalini e deriva dall’acido carbonico.

Si presenta come una polvere cristallina bianca molto solubile e in soluzione acquosa forma anidride carbonica e carbonato di sodio, sviluppando una reazione alcalina. È la reazione alcalina sviluppata che le conferisce la sua azione fungicida ma tratteremo nel dettaglio questo aspetto in seguito.

 

Bicarbonati di Potassio: in Agricoltura Biologica (e non solo)

 

Le differenze Normative tra Bicarbonato di Potassio e Bicarbonato di Sodio

Il Bicarbonato di Sodio e di Potassio sono sostanze naturali e biologiche aventi azione fungistatica e fungicida. Sono stanze molto simili, come composizione chimica e come azione fungicida, ma sono regolamentate in maniera differente.

Il Bicarbonato di Potassio è regolamentato come Fungicida, pertanto lo ritroviamo in commercio con l’IVA al 10% ed è acquistabile solo se in Possesso del Patentino Fitosanitario.

Il Bicarbonato di Sodio è regolamentato come Sostanza di Base e Corroborante. Compare, quindi, in due differenti categorie di sostanze, regolamentate dall’Unione Europea (Sostanze di Base) e dalla Normativa Nazionale Italiana (Corroboranti). Il Bicarbonato di Sodio è immesso in commercio con IVA al 22% ed è acquistabile senza il possesso del Patentino Fitosanitario.

 

Cosa sono i Corroboranti e le Sostanze di Base?

I Corroboranti sono una serie di sostanze naturali che hanno una comprovata azione fungistatica, elicitrice, fitostimolante e repellente verso i principali parassiti vegetali e fungini.

I Corroboranti potenziano le difese naturali delle piante: migliorano la resistenza della pianta verso gli organismi nocivi e la proteggono anche da stress ambientali. Una pianta sana e vitale riesce a superare e a difendersi meglio dalle condizioni di stress.

I Corroboranti sono testati, analizzati e regolamentati da una Normativa Italiana, che anno per anno aggiorna la lista dei prodotti ammessi. Questi prodotti sono acquistabili senza essere in possesso del patentino fitosanitario.

La lista completa delle sostanze ammesse nell’elenco dei Corroboranti è consultabile sul sito del Sian (clicca qui).

Le Sostanze di Base sono presenti naturalmente in natura.

Generalmente sono dei prodotti utilizzati nell’industria alimentare che hanno dimostrato avere un’azione fungicida e antiparassitaria.

Queste sostanze sono regolamentate direttamente dall’Unione Europea che dopo studi in campo e in laboratorio, certifica la loro azione fungicida o antiparassitaria in maniera molto dettagliata.

Per ogni singola molecola è possibile scaricare, dal sito dell’Unione Europea (clicca qui), dettagliate schede tecniche che trattano la loro azione e il loro utilizzo verso i singoli agenti fungini e parassitari.

 

 

Quali sono i Corroboranti e le Sostanze di Base?

Elenco dei prodotti ammessi come Corroboranti nel 2022:

  • Olio vegetale trattato con Ozono
  • Aceto
  • Bicarbonato di Sodio
  • Calce Viva
  • Estratto Glicolico a base di Flavonoidi
  • Estratto integrale di Castagno a base di Tannino
  • Gel di Silice
  • Lecitina
  • Oli vegetali: Arachide, Argan, Avocado, Borragine, Canapa, Cartamo, Cotone, Cumino Nero, Enotera, Girasole, Lino, Macadamia, Mais, Mandorlo, Nocciolo, Noce, Oliva, Palma di Cocco, Papavero, Riso, Sesamo, Senape, Soia, Vinacciolo, Zucca.
  • Polveri di Pietra o di Roccia
  • Preparati Biodinamici
  • Propolis
  • Sapone molle di Marsiglia
  • Soluzione acquosa a base di Acido Ascorbico

Elenco dei prodotti ammessi come Sostanze di Base nel 2022:

  • Equisetum Arvense
  • Chitosano
  • Saccarosio
  • Idrossido di Calcio
  • Fruttosio
  • Lecitine
  • Corteccia di Salice
  • Aceto
  • Bicarbonato di Sodio
  • Fosfato Diammonico
  • Siero di Latte
  • Olio di Girasole
  • Estratto di Ortica
  • Perossido di Idrogeno
  • Carbone Argilloso
  • Birra
  • Semi di Senape in polvere
  • Talco
  • Olio di Cipolla
  • Latte Vaccino

 

 

Come agiscono i Bicarbonati di Potassio in Agricoltura?

Il Bicarbonato di Potassio è una molecola avente azione fungicida di contatto ed è utilizzabile su un grande numero di colture (vite, pomacee, drupacee, ortaggi e cereali).

Il Bicarbonato di Potassio ha un’azione certificata preventiva e curativa nei confronti della Ticchiolatura e dell’Oidio.

L’azione esplicata è naturale, in quanto funge da fungicida grazie alla sua reazione alcalina. Applicato sulla superficie fogliare, il Bicarbonato di Potassio forma Carbonato di Potassio e Anidride Carbonica, innalzando il valore del pH della superficie trattata.

Il pH alto inibisce e blocca lo sviluppo delle ife fungine. Inoltre alterando la pressione osmotica delle cellule fungine provoca il loro disseccamento.

Possiede, inoltre, anche un beneficio secondario, in quanto lo ione Bicarbonato aumenta la permeabilità della membrana cellulare, con conseguente miglioramento dell’efficacia dei prodotti fungicidi di contatto, come ad esempio lo Zolfo.

L’azione combinata di questi fattori causa un’inibizione della germinabilità delle spore fungine e la completa essicazione delle ife e del micelio fungino.

Il dosaggio consigliato varia dai 5 ai 7,5 kg/ha (in base alla coltura e all’avversità). Sono ammessi 6 trattamenti all’anno ed è ammesso in Agricoltura Biologica. Inoltre non possiede nessun limite di carenza, non è necessario nessun intervallo di sicurezza tra l’ultima applicazione e la raccolta.

Il Bicarbonato di Potassio è regolamentato come prodotto fitosanitario e ed è acquistabile solo con patentino fitosanitario.

 

 

Come agisce il Bicarbonato di Sodio in Agricoltura?

Il Bicarbonato di Sodio è una sostanza di origine naturale formata da una miscela di sali alcalini che derivano dall’acido carbonico, avente formula NaHCO3.

Il Bicarbonato di Sodio è una molecola altamente solubile in acqua e a temperatura ambiente forma Anidride Carbonica e Carbonato di Sodio. Questa reazione è alcalina e causa la sua azione fungicida e/o fungistatica.

L’Unione Europea ha inserito il Bicarbonato di Sodio nell’elenco delle Sostanze GRAS (Generally recognized as safe) in quanto utilizzata normalmente come additivo alimentare.

La produzione di Anidride Carbonica lo rende ideale per la preparazione di bevande effervescenti o per additivi lievitanti.

Il Bicarbonato di Sodio agisce come fungicida di contatto, agendo sia come preventivo che curativo nei confronti dell’Odio e della Ticchiolatura e ed utilizzabile come Corroborante su tutte le colture.

L’Unione Europea ha inserito il Bicarbonato di Sodio nell’elenco della Sostanze di Base, certificando la sua efficacia nei confronti dell’Oidio e della Ticchiolatura.

È utilizzabile su Ortaggi, Piccoli frutti, Piante Ornamentali, Vite, Melo oltre che a Agrumi, Ciliegio e Papaya.

Oltre a rientrare nella normativa Europea sulle Sostanze Di Base, il Bicarbonato di Sodio è incluso anche nella normativa italiana dei Corroboranti.

È quindi utilizzabile su tutte le colture come Potenziatore delle difese naturali delle piante, migliorando la resistenza degli stress biotici e abiotici.

 

Il Bicarbonato di Sodio è regolamentato come Sostanza dei Base e come Corroborante, pertanto è acquistabile senza essere in possesso di Patentino Fitosanitario.

 

Quanto è stato utile questo post?

Clicca su una stella per valutarla!

Voto medio 0 / 5. Conteggio dei voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a valutare questo post.

Visto che hai trovato utile questo post...

Seguici sui social!

0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna allo shop
      Calculate Shipping
      Apri la chat
      Hai bisogno di aiuto?
      Ciao, se hai bisogno di aiuto puoi parlare con uno dei nostri agronomi.